La presentazione di Laura Di Pilato alla città

“La mia scelta è il frutto del coraggio di cambiare delle tante persone incontrate in questi mesi e che hanno voluto condividere con me questo percorso, perché stanche di restare sedute in disparte a guardare una città in declino a causa di un malgoverno della cosa pubblica”.

È cominciata così la presentazione della candidatura a Sindaca alla città di Andria dell’avvocata Laura Di Pilato, con un discorso tenuto domenica 26 gennaio 2020 su di un palco allestito in corso Cavour.

Lo slogan che accompagna la campagna elettorale è “Il coraggio di cambiare”. Sono tante le cose di cui Andria ha bisogno: strade da asfaltareopere pubbliche da riconsegnare alla città (il centro “Dopo di Noi”, il centro di aggregazione Fornaci, la pista di pattinaggio di via Barletta, l’officina San Domenico, il mercato rionale di San Valentino, l’ex mattatoio di via Canosa, e tante altre opere incompiute che dovrebbero dare una nuova identità alla città se realmente funzionanti).

“L’ambiente in cui viviamo deve essere salubre – ha affermato durante la presentazione la candidata Laura Di Pilato. Bisogna preservare la salute di tutti i cittadini, così come chiesto a gran voce dai ragazzi e dalle associazioni ambientaliste in più occasioni. Vogliamo ridisegnare e ripensare la nostra città con un nuovo piano regolatore che guardi con attenzione alle nuove priorità e punti al consumo di suolo zero”.

Andria è una città in pre dissesto che ha bisogno di intercettare finanziamenti regionalinazionali ed europei che consentano di dare nuova linfa vitale alle casse comunali: “La Città annovera la presenza di un bene Unesco invidiato da tutto il globo: Castel del Monte, che deve essere adeguatamente valorizzato e collegato alla città affinché si possano creare percorsi turistici ed enogastronomici virtuosi e che diano sviluppo alla Città.

Il nostro programma elettorale – ha poi concluso – sarà scritto con tutti voi. La nostra sede in via Bovio 48 è aperta a tutti coloro che vorranno dare un valido contributo di idee e suggerimenti per ridisegnare, con coraggio, l’Andria che verrà”.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.